© 2020 Domenico Paolillo

Google rivela i dati sulla posizione DI MILIONI DI UTENTI

Per rispondere alla pandemia di Covid-19 Google ha deciso di usare i dati aggregati e anonimi di GooGle

GOOGLE STA RIVELANDO
dati anonimi
sull'ubicazione dei movimenti di persone in 131 paesi
per aiutare i funzionari della sanità pubblica durante la pandemia di coronavirus.

I rapporti, disponibili in formato PDF, mostrano come le visite ad ampie categorie di luoghi, come negozi al dettaglio e per il tempo libero, negozi di alimentari e farmacie e aree residenziali, sono cambiate negli ultimi due mesi.

 

I dati mostrano le visite giornaliere mediane a tali categorie per i tre giorni che terminano il 29 marzo, rispetto al numero mediano di visite tra il 3 gennaio e il 6 febbraio.

L’idea è di aiutare i funzionari della sanità pubblica in tutto il mondo a valutare l’efficacia delle misure di allontanamento sociale e identificare i luoghi in cui potrebbero essere necessarie nuove politiche.

Ad esempio, se troppe persone si stanno radunando presso le stazioni di trasporto pubblico, potrebbe essere un segnale che potrebbe essere necessario un servizio di autobus o treni più frequente.

“Questo è esattamente il tipo di informazioni di cui abbiamo bisogno per comprendere l’impatto delle nostre misure di mitigazione sui movimenti e per informare il nostro processo decisionale”, ha dichiarato Sara Cody, direttrice della sanità pubblica, Santa Clara County, California.

Google ha raccolto i dati sottostanti dagli utenti che hanno attivato l’impostazione “Cronologia delle posizioni” nei loro account Google. Google disegna nella stessa data in Google Maps per mostrare quanto sono affollati determinati ristoranti e altre posizioni in un determinato momento.

La società afferma che l’impostazione, che dice “Salva dove vai con i tuoi dispositivi, anche quando non stai utilizzando un servizio Google specifico”, è disattivata per impostazione predefinita, sebbene alcune app richiedano agli utenti di accenderlo.

Domenico Paolillo
WebDeveloper